Le foche ammaestrate. Il giornalismo italiano al servizio della guerra

12,00
11,40
-5%
Quantità:
Prodotto aggiunto al carrello. Vai al carrello
È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto Vai al carrello

SKU 00170
Spese di spedizione: gratis
Consegna prevista entro Venerdì 26/07

Tags   #alcheringaedizioni  #leametiste  #giuliodiluzio  #guerra  #ucraina  #russia  #giornalismo 

Una analisi lucida e impietosa sul ruolo subalterno dell’informazione italiana nell’attuale scenario del conflitto ucraino. 
L’Autore mette sotto la lente di ingrandimento talk show e servizi giornalistici di dubbio pluralismo, dimostrando una narrazione stereotipata da stucchevoli copioni di dominio atlantista. Un linguaggio manicheo e messianico da guerra santa, che pretende di raccontare un conflitto in cui l'informazione ha già glorificato uno dei contendenti.
Un libro provocatorio, critico verso una cronaca uniforme che non offre alcun distinguo, nessuna analisi equidistante, e che zittisce come vuoto pacifismo le posizioni di chi dissente e sta fuori dal branco. 



Giulio Di Luzio è nato e vive in Puglia. Ha lavorato per il manifesto e Liberazione, occupandosi tra l'altro di politica internazionale. Studioso delle relazioni tra Federazione Russa e Stati Uniti, si interessa al ruolo dei media nella manipolazione dell'opinione pubblica e del consenso. 
Ha all’attivo già la pubblicazione di numerose opere: 
- I fantasmi dell’Enichem, 2003 
- A un passo dal sogno, 2006 
- Il disubbidiente, 2008 
- Brutti, sporchi e cattivi, 2011 
- Clandestini, 2013 
- Non si fitta agli extracomunitari, 2014 
- La fabbrica della felicità, 2016 
- Fimmene, 2017 
- Tuccata, 2018 
- La libertà negata, 2021, tradotto in tedesco e francese
- Apartheid all’italiana, 2021, tradotto in tedesco
- Il supplente, 2023