La Cicala e la Formica e altre fiabe...

6,00
5,70
-5%
Quantità:
Prodotto aggiunto al carrello. Vai al carrello
È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto Vai al carrello

SKU 929123
Spese di spedizione: gratis
Consegna prevista entro Martedì 23/04

Tags   #alcheringa edizioni  #jean del la fontaine  #fiabe  #la cicala e la formica 

JEAN DE LA FONTAINE
LA CICALA E LA FORMICA e altre fiane...
fiabe in versi: ISBN 978 – 88 – 98621- 38 - 5
mm 125×200, brossurato
illustrazioni in bianco e nero
Pagine: 60
Prezzo: Euro 6,00 scontato del 10%: Euro 5,40

Jean de La Fontaine nasce a Chateau-Thierry l’8 luglio del 1621 ed è uno dei più importanti scrittori francesi di tutti i tempi. Fin da giovane dimostra la propria vocazione per la letteratura.
Dopo aver abbandonato gli studi in giurisprudenza deludendo le aspettative dei genitori che desideravano per lui una vita clericale, diventa sovrintendente alle acque e alle foreste, lo stesso mestiere del padre. Ma qualche anno più tardi lascia sia l’occupazione sia la moglie per trasferirsi a Parigi, dove gode della protezione del politico Nicolas Fouquet.
La caduta in disgrazia di quest’ultimo però lo trascina in gravi difficoltà finanziarie. Esce dal disastro economico grazie ad alcuni importanti amici e soprattutto amiche: la duchessa di Orléans, la duchessa di Bouillon e madame de la Sablière.
Frequenta poeti e letterati tra cui Racine, Molière, Boileau e madame de La Fayette.
L'esordio letterario avviene nel 1654 con l'Eunuque, rifacimento dell'opera di Terenzio. Segue il poemetto Adonis.
Con il passare degli anni la produzione di La Fontaine attraversa tutti i generi, e lo impone come un innovatore di quel gusto proprio della Francia del diciassettesimo secolo, a cavallo tra il burlesco e il bucolico, tra l’eroico e il mitologico.
La Fontaine infatti è conosciuto soprattutto per le sue Favole, raccolte in dodici volumi pubblicati tra il 1669 e il 1693, in cui rappresenta la commedia umana, e per farlo si serve spesso di protagonisti animali, alter ego delle virtù, ma più spesso dei vizi degli uomini.
Nel 1683 viene nominato membro dell'Acadèmie Française.
Muore a Parigi il 13 aprile 1695.